TopCinema.it

We love movies

Seguici su Google+Topcinema su YoutubeSeguici su TwitterSeguici su FacebookSottoscrivi
   

300 l’Alba Di Un Impero 3D: Recensione

Novità

Un commento
300 l’Alba Di Un Impero 3D: Recensione
13 marzo 2014  |  Un commento  |  News

300: l’Alba di un Impero 3D

 

300 l'alba di un Impero | TopCinema.itQuanta attesa c’era intorno al ritorno dei prodi 300.
6 Anni ci son voluti alla Warner e alla Legendary Pictures per produrre un sequel che ci facesse tornare sulla guerra dei prodi 300 e di Re Leonida: l’attesa in parte è giustificata dal fatto che bisognava aspettare che Frank Miller finisse di scrivere la Graphic Novel dalla quale è tratto il Film.
La storia c’era, i personaggi pure e, come il precedente Capitolo, si cercava di dare un personaggio che facesse da front runner, da protagonista indiscusso nel Film, un po’ come lo è stato Gerard Butler ed il suo Leonida.
A dirigere il tutto, questa volta, non ci sarebbe stato più Zack Snyder, ormai elevatosi a produzioni ben più grosse di queste (è diventato lo Joss Whedon della DC Entertainment, la casa che produce i Film dell’etichetta fumettistica DC Comics), ma dietro alla macchina da presa troviamo un certo Noam Murro, sconosciuto ai più, anzi: sconosciuto a tutti tranne che allo stesso Snyder.
Alla fine proprio lui si ritroverà ad essere il punto debole del Film, nonostante non sfoci mai nel patetico e distrugga ciò che di buono hanno fatto gli sceneggiatori.

Sceneggiatura e Regia

A parer di chi scrive, abbiamo molto apprezzato la sceneggiatura: ben poco si poteva fare rispetto ad un Cult come il predecessore, perché tirarlo in ballo sarebbe stato solo una bestemmia.
Snyder e Johnstad, che si sono occupati della sceneggiatura, hanno creato un film che si distacca dalla guerra fra spartani e persiani, tirando in ballo gli ateniesi: questi ultimi devono combattere contro Artemisia, vera essenza dell’impero Persiano, colei la quale ha forgiato Serse e l’ha fatto diventare il Re/Dio che conosciamo.
Ora ha avuto molto senso non cercare di fare una copia del primo film, in quanto sarebbe potuta essere solo una versione sbiadita di essa.
Di 300 c’è poco o nulla, neanche i 300 stessi ci sono: gli spartani non compaiono mai nel Film, tranne una breve apparizione della moglie di Leonida (interpretata da una bella e brava Lena Headey) e un’altra apparizione nel momento più azzeccato del Film.
Il Primo Film era Leonida contro la Persia, questa volta troviamo Temistocle contro Artemisia.
Temistocle ed Artemisia: i personaggi che devono reggere il Film sono loro due, interpretati da Sullivan Stapleton ed Eva Green.
Entrambi sono azzeccatissimi: lei perfida e traboccante di rabbia e vendetta; lui innamorato oltre ogni modo della sua Atene con un’astuzia nelle tattiche belliche che richiamo molto Leonida.
Detto di una buona sceneggiatura con un ottimo soggetto (per essere il sequel di 300), allora il Film è meglio del precedente, verrebbe da dire.
Purtroppo non lo è, e la colpa risiede nella regia.
Ora, chi scrive ama da morire il cinema del primo Snyder (ovviamente ci riferiamo a Zack Snyder con lo stile registico di “300″, di “Watchmen” e di “Sucker Punch”, di certo non allo stile di regia che ci ha mostrato con “L’Uomo D’Acciaio”) fatto di scenografie folli e di slow motion a raffica ma se si esagera, se si cerca di calcare la mano, forse si sfocia nello splatter.
Noam Murro è Zack Snyder estremizzato, moltiplicato per 1000.
Gli slow Motion sono bellissimi, caratteristici e realizzati in maniera ragionata, ma applicarli su tutte le scene di guerra ci è sembrato eccessivo.
Forse quel sangue, tutto quel sangue, ricorda un po’ il Cinema Splatter, una tipologia di Cinema cui non bisogna mai accostare 300.
Se Noam Murro avesse risparmiato il 60/70% degli Slow Motion ci sarebbero stati due effetti: il primo, è che avremo visto un Film più maturo e profondo; il secondo, avremo visto un Film che sarebbe durato 15 minuti in meno.
Tengo a precisare che questa critica la muove uno che ha fatto di Twixtor (un Plugin per Final Cut che riesce a realizzare Slow Motion fluidi e perfetti) la propria fede.

300: l’Alba Di Un Impero 3D, com’è?

“300 l’Alba Di Un Impero 3D” è un Film che, per chi ha apprezzato il predecessore, deve essere assolutamente visto.
Con una regia troppo marcata, forse buona parte degli spunti del primo Film sono stati persi, ma gli ottimi protagonisti ed una storia con i controfiocchi, bilanciano alla grande uno stile registico esagerato.
Consigliamo assolutamente la visione del Film nella terza dimensione: ha senso vederlo in 3D, nonostante buona parte della pellicola si stata riconvertita in post produzione.
Prodotto dalla Legendary Pictures in collaborazione con la Warner, il Film è stato scritto e diretto da Kurt Johnstad e Zack Snyder (che compare anche in veste di produttore) vede nel Cast attori come ,Sullivan Stapleton, Eva Green, Rodrigo Santoro, Lena Headey, Callan Mulvey, David Wenham, Jack O’Connell, Hans Matheson.
“300: l’Alba Di Un Impero 3D” è uscito Giovedì 6 Marzo 2014 al Cinema, distribuito dalla Warner Bros. Pictures.

 

Scheda Film

Marco De Natale

VN:F [1.9.22_1171]
Rating: 5.0/6 (4 votes cast)
300 l'Alba Di Un Impero 3D: Recensione, 5.0 out of 6 based on 4 ratings
Fai Share anche tu su TopCinema.it !
Commenti
1 - 1 OF 1 COMMENTS
Lascia il tuo commento
Nome:  (richiesto)

Email:  (richiesto, ma non sarà pubblicato)

Website:  (non obbligatorio)

Messaggio:  (richiesto)

 

ADV

Intervista a Giovanni Veronesi
Facebook Fans

In Uscita Questa Settimana
Copyright TopCinema.it © 2010-2015. All Rights Reserved. info@topcinema.it
Back to page top