TopCinema.it

We love movies

Seguici su Google+Topcinema su YoutubeSeguici su TwitterSeguici su FacebookSottoscrivi
   

American Hustle L’Apparenza Inganna: Recensione

Novità

American Hustle Apparenza Inganna: Recensione | TopCinema.it

Nessun commento
American Hustle L’Apparenza Inganna: Recensione
17 gennaio 2014  |  Nessun commento  |  News

American Hustle Apparenza Inganna

Prima di pubblicare la nostra recensione su “American Hustle: L’Apparenza Inganna” abbiamo volontariamente aspettato la premiazione ai Golden Globes e la pubblicazione delle Nomination agli Oscar.
Ci troviamo in una posizione difficilissima: la critica, ed il pubblico, sta osannando il Film a destra e a manca, ma a noi, con tutta franchezza, non ci è piaciuto.
Facendo un’analisi più dettagliata della pellicola in se, non riuscivamo a trovare all’inizio quale poteva essere il problema, cosa rendeva “American Hustle” brutto.
Dopo un po’ siamo riusciti a capire cosa c’è che non va: la sceneggiatura.

Il soggetto del film è molto intrigante (presente nella blacklist del 2012) viene elaborato troppo, appesantendo il film fino a farlo diventare un enorme polpettone, pieno zeppo di avvenimenti.
Giusto per rendere un’idea, le quattro persone di nostra conoscenza che hanno visto il Trailer non avevano ben capito di cosa parlasse il Film: la sensazione è la stessa dopo averne preso visione.
Di cosa parla American Hustle?
Di una Truffa? Della redenzione di un truffatore? Della storia d’amore tra due truffatori? Di uno sbirro che si fa aiutare da un truffatore per acciuffare tutti i politici del congresso? Della storia d’amore finita tra due coniugi? Di un tradimento? Della mafia che tenta di portare investitori Arabi per la ricostruzione della Città e di nuovi casinò?
Bene, “American Hustle: L’Apparenza Inganna” parla di tutte queste cose messe insieme.
Cercate d’immaginare: la metà delle tamatiche presentate andrebbero bene per il soggetto di un’intera trilogia, e non per un film di meno di due ore!

La regia di David O. Russell è superba: tra i Film candidati all’Oscar come miglior Regia, forse Alfonso Cuaron stravince a mani nude, ma a Russell va senz’altro il merito di aver girato un film che riesce a captare lo spettatore deluso ed annoiato (noi, in questo caso) con le sue scelte stilistiche e le sue famose “inquadrature zoommate”.
Parliamo del Cast: perché Jennifer Lawrence deve essere candidata al premio come miglior attrice non protagonista, se fa (in maniera magistrale, bisogna ammetterlo) una parte insulsa?
È stata bravissima a caratterizzare il personaggio in una maniera che solo poche attrici sanno fare, ma da qui a vincere l’Oscar… Tra lei e Bradley Cooper, meglio il biondo attore di Filadelfia.
Il migliore, il numero uno, quello che non ci ha fatto rimpiangere il prezzo del biglietto, è stato Christian Bale: dopo l’Oscar vinto con “The Fighter”, disse che il suo fisico a quell’età non avrebbe sopportato un altro cambio di peso, e invece per questo Film pesava più di 50 Kg rispetto al personaggio interpretato nel 2011 e più di 25 Kg rispetto al Batman dello scorso anno.
Insomma “American Hustle” nonostante il gran Cast, nonostante l’ottima regia, non ci è piaciuto.

Scheda Film

Marco De Natale

VN:F [1.9.22_1171]
Rating: 5.8/6 (5 votes cast)
American Hustle L'Apparenza Inganna: Recensione, 5.8 out of 6 based on 5 ratings
Fai Share anche tu su TopCinema.it !
Commenti
Lascia il tuo commento
Nome:  (richiesto)

Email:  (richiesto, ma non sarà pubblicato)

Website:  (non obbligatorio)

Messaggio:  (richiesto)

 

ADV

Intervista a Giovanni Veronesi
Facebook Fans

In Uscita Questa Settimana
Copyright TopCinema.it © 2010-2015. All Rights Reserved. info@topcinema.it
Back to page top