TopCinema.it

We love movies

Seguici su Google+Topcinema su YoutubeSeguici su TwitterSeguici su FacebookSottoscrivi
   

Battleship – Recensione

Novità

Battleship - Recensione - TopCinema.it

Nessun commento
Battleship – Recensione
2 maggio 2012  |  Nessun commento  |  News

Battleship Recnsione - TopCinema.it

Prendete Transformers, aggiungeteci l’Oceano, toglieteci pathos e trama avvincente, miscelatelo con una regia “alla Michael Bay” ma SENZA Michael Bay e avete ottenuto “Battleship” .
Già, perche questo film Universal sembra nient’altro che la brutta copia del Kolossal Paramount giunto ormai alla terza pellicola, ma che comunque bene o male, riesce sempre ad attirare qualche piccola critica positiva, anche se ci si trova di fronte a quel “La Vendetta Del Caduto”, un secondo episodio che ai più ha fatto storcere il naso.
Tornando alla Battaglia Navale , non fatevi trarre in inganno: l’unico momento del film in cui si riprende il concept del gioco, sono esattamente 3 minuti di film, quando il protagonista interpretato da uno sfortunato Taylor Kitsch (e dopo spiegheremo il perché di quest’affermazione), inizia a sparare alla cieca contro le navi aliene nemiche.

Entrando un pò più nel dettaglio, nel recensire “Transformers 3 in 3D” più volte ripetemmo che, trattandosi di una pellicola a metà strada tra fantascienza, azione e comicità, bisogna lasciare il cervello parcheggiato sul sedile posteriore dell’auto mentre ci si reca al cinema, perché difficilmente troveremo qualcosa di logico o plausibile in un film del genere.
Questa volta, invece, possiamo affermare che, malgrado decidiate di sconnettere la vostra materia grigia per far spazio a 2 ore di puro intrattenimento, non riuscirete lo stesso a trovare pacchiano, esagerato e troppo “Michael Bay” l’intera pellicola.
Due cose vanno chiarite: la Regia di Peter Berg è assolutamente impeccabile e il film nel complesso non è male, se solo si accetta di prendere per buone le enormi frottole che ci vengono propinate durante le due ore di film.

Peter Berg , nel complesso, fa più che un ottimo lavoro, anzi… Verrebbe da chiedersi cosa sarebbe successo se in cabina di regia ci fosse stato qualcun altro, magari meno esperto e meno competente con gli effetti speciali.
In merito ai Visual Effects , nulla da dire, tanto che alla fine risultano la cosa più positiva dell’intera pellicola: realistici e ben bilanciati, appaiono nella quasi totalità dei casi reali e ben fatti.
Per quanto concerne i protagonisti, Taylor Kitsch, dopo “John Carter” , appare ancora più sfortunato, dato che riesce a fornire un’ottima prova, ma che comunque non incide particolarmente nel risultato finale del film.
Rihanna , invece, avrebbe dovuto optare per una produzione inferiore, dato che dà sempre quell’effetto di “finto” ad ogni battuta che recita; la statuaria e quantomai bella Brooklyn Decker , risulta di gran lunga migliore della collega-cantante, riuscendo ad imprimere più realismo nella recitazione.
Liam Neeson , infine, non da alcun contributo al Cast, dato che appare al massimo in una decina di scene, per un totale di massimo 7/8 minuti totali.

Tirando le somme, “Battleship” è un film che strappa una discreta sufficienza ma che risulta un’americanata talmente esagerata, da riuscire a mortificare Michael Bay.
Cast molto decente, regia impeccabile, effetti speciali a dir poco ineccepibili fanno rimpiangere una sceneggiatura banale ed esagerata , che riesce a rovinare il risultato finale del film.
Per tutti coloro che apprezzano Michael Bay e prendono per buona ogni sua “americanata” il film è ALTAMENTE consigliato, in caso contrario… Astenetevi! 

Scheda Film

VN:F [1.9.22_1171]
Rating: 6.0/6 (2 votes cast)
Battleship - Recensione, 6.0 out of 6 based on 2 ratings
Fai Share anche tu su TopCinema.it !
Commenti
Lascia il tuo commento
Nome:  (richiesto)

Email:  (richiesto, ma non sarà pubblicato)

Website:  (non obbligatorio)

Messaggio:  (richiesto)

 

ADV

Intervista a Giovanni Veronesi
Facebook Fans

In Uscita Questa Settimana
Copyright TopCinema.it © 2010-2015. All Rights Reserved. info@topcinema.it
Back to page top